ULTIME NOTIZIE

NOTIZIE INTERESSANTI:

loading...
loading...

Ecco i 5 cibi più velenosi che tutti mangiamo!

Condivisioni 0

Abbiamo fatto la classifica degli alimenti che mangiamo comunemente, ma che potrebbero anche essere velenosi se presi in alte dosi. Nell’antichità erano veleni usati da maghi e streghe per uccidere i propri nemici, oppure erano usati durante cerimonie particolari per avere delle visioni mistiche, premonizioni ed allucinazioni divinatorie.

Ecco quindi gli insospettabili, i 5 alimenti che tutti noi abbiamo mangiato, ma non preoccupatevi queste sostanze sono pericolose solo se prese in dosi massicce o in altissime concentrazioni quindi non c’è nulla di allarmistico.

Siete pronti?

Andiamo a vedere la classifica degli insospettabili dal quinto posto in su per scoprire l’alimento velenoso al primo posto…

Al 5° posto: Patata

La patata, appartenente alla famiglia delle Solanaceae, veniva coltivata già nel II millennio a.C, nelle zone più alte della regione delle Ande (Perù, Bolivia e Ecuador). In Europa fu portata nel XVI secolo dagli Spagnoli. Le patate contengono diverse tossine velenose: ovvero contengono i glicoalcaloidi “solanina” e “chaconina”. Queste tossine provocano raramente la morte dell’uomo in caso di assunzione, tuttavia, possono causare delle emorragie. La solanina, in particolare, è concentrata nella buccia della patata, nei germogli e negli steli.

Al 4° posto: Ciliegia

La ciliegia è un frutto molto antico e fu importata in Europa dall’Asia Minore. Questo frutto è ricco di vitamine A e C e contiene proteine, calcio, magnesio, ferro e fosforo. Tuttavia, contiene una sostanza molto tossica: si tratta dell’acido cianidrico (chiamato anche acido prussico) che è contenuto nel nocciolo della ciliegia. Questo acido è potentissimo: se assunto in grandi quantità risulta mortale in pochi istanti.

Al 3° posto: Funghi

Alcuni funghi contengono delle sostanze tossiche, ovvero le micotossine che rappresentano la causa principale dei casi di avvelenamento che si registrano ogni anno nel mondo. Chi ingerisce funghi velenosi o non commestibili va incontro ai seguenti rischi: in casi non gravi si possono avere problemi di digestione o allergici e anche allucinazioni; ma in casi più gravi il fegato può subire dei danni irreparabili e spesso è necessario il trapianto dell’organo.

Al 2° posto: Pomodoro

Il pomodoro è una pianta originaria del Messico e del Perù e fu introdotta in Europa nel XVI secolo. Il pomodoro appartiene alla stessa famiglia delle patate, cioè quella delle Solanaceae. L’alcaloide del pomodoro è la tomatina che presenta, però, una tossicità molto bassa. La tomatina si trova maggiormente nei pomodori verdi e nelle foglie.

Al 1° posto: Mandorle amare

Le mandorle amare sono il frutto del Prunus amygdalus, un albero molto simile al mandorlo comune. Il sapore amaro di queste mandorle deriva dalla presenza dell’amigdalina: si tratta di una sostanza che origina l’acido cianidrico. Se un bambino mangia 6-10 mandorle amare muore per avvelenamento; invece per un adulto la dose letale è di circa 50 mandorle. L’avvelenamento da acido cianidrico ha i seguenti sintomi: mal di testa, stato confusionale, vomito, perdita di coscienza, convulsioni e infine la morte. (Fonte)

[mashshare buttons="false"]
Loading...

Loading...
Condivisioni 0

Lascia il tuo commento:

commenti