ULTIME NOTIZIE

NOTIZIE INTERESSANTI:

loading...
loading...

GERMANIA: CORRUZIONE TANGENTI, IL MITO TEDESCO CROLLA.

Condivisioni 0

Partendo dal presupposto che che tra i Paesi europei solo la Germania e l’Austria non hanno ancora recepito nel proprio ordinamento né la convenzione anti-corruzione europea né quella dell’Onu e che l’economia sommersa tedesca è la più consistente di tutti i Paesi europei.

Sono 351 miliardi di euro pari al “nero” di Gran Bretagna, Belgio, Svezia, Irlanda e Austria messe insieme e superiore di circa 20 miliardi al “nero” italiano che è stimato in 333 miliardi.

Che le mazzette tedesche hanno un peso di 250 miliardi di euro e che In Italia si denuncia meno, ma si condanna molto di più. ( la magistratura tedesca, a differenza di quella italiana, è soggetta al potere politico ) E chel’Ocse ha più volte chiesto alla Germania di rendere esecutive le sentenze (poche) che ricadono sotto il reato di corruzione.

Ecco i casi di truffa e corruzione più famosi:

2006 – la Germania avrebbe comprato voti per diventare il paese ospitante della coppa del mondo di calcio, grazie alla fornitura di armi all’Arabia Saudita e a grossi investimenti nei paesi asiatici:
la Daimler investì cento milioni di euro nella Hyundai (un figlio del fondatore della casa automobilistica sudcoreana era nel comitato della Fifa) e Volkswagen e Bayer Ag. promisero investimenti in Thailandia e Corea del Sud.

2007 – Il campionato di calcio più corrotto d’Europa è quello tedesco:
69 partite truccate per un giro di mazzette di 12 milioni di euro a arbitri e dirigenti sportivi, oltre a 175 milioni di “premio partita”.
Sono state arrestate circa 170 persone.

2007 – 6 grandi società sono state accusate di corruzione. Il caso più clamoroso riguarda la Siemens, multata per 600 milioni di euro per essere stata scoperta a pagare sistematicamente mazzette in tutto il mondo per accaparrarsi contratti pubblici usando un fondo nero alimentato da centinaia di milioni di euro ogni anno. Oltre ai 600 milioni alle autorità tedesche, la Siemens ha pagato altri 800 milioni alle autorità americane e ha versato altri 100 milioni a organizzazioni internazionali noprofit che combattono la corruzione negli affari.

2009 – Corruzione nelle università tedesche. Professori si facevano pagare dagli studenti per facilitare l’esame di dottorato. L’inchiesta coinvolge più di 100 docenti in tutte le principali università tedesche. Le tariffe per una tesi di dottorato variavano dai 4mila ai 20mila euro. Guenther Feld, il procuratore capo di Colonia: “Abbiamo casi in ogni tipo di facoltà: legge, filosofia, medicina e anche le facoltà tecniche”.

2009 – Man che paga 150 milioni di euro per risolvere un processo nel quale veniva accusata di aver pagato tangenti per vincere contratti, anche all’estero. Altri 500mila euro (andati in beneficenza) sono stati versati anche dall’allora amministratore delegato, lo svedese Hakan Samuelsson, che si è sempre dichiarato innocente.

2010 – Daimler che secondo dipartimento della Giustizia Usa, viene definita come società con una “lunga tradizione in quanto al pagamento di tangenti” a dirigenti pubblici stranieri. I dirigenti della Daimler sono stati accusati di aver versato tangenti per decine di milioni di euro a dipendenti pubblici di 22 Paesi del mondo compresi quelli di tutto il Medio Oriente oltre a Cina e Russia. In Iraq avrebbe addirittura violato i vincoli del programma Oil for Food delle Nazioni Unite. E nonostante le indagini avessero fatto emergere violazioni anche di leggi tedesche, Daimler non è mai stata messa sotto inchiesta in Germania e se l’è cavata pagando 185 milioni di euro alle autorità americane.

2013 – Scandalo trapianti d’organo a Lipsia 38 pazienti con problemi di fegato sarebbero stati falsamente indicati come casi di dialisi, per accorciare l’attesa del trapianto, le sospette ‘manipolazioni’ delle lista d’attesa si sarebbero verificate tra il 2010 e il 2011.

2013 – le tangenti greche, l’affare dei sottomarini, una storia da 1,14 miliardi di euro che inizia una decina d’anni fa le cui indagini vennero subito interrotte.

2013 – E’ finito in carcere un ex alto dirigente del ministero della Difesa, Antonis Kantas, con l’accusa di aver ricevuto 1,7 milioni di tangenti dal rappresentante greco della società tedesca Krauss-Maffei Wegmann per la vendita di 170 carri armati Leopard.

2015 – Deutshe Bank scandlo libor,sanzione record di 2,5 miliardi di dollari da parte delle autorità di Stati Uniti e Gran Bretagna per la manipolazione dei tassi di riferimentoe dei mutui sulle case.

2015 – Scandalo emissioni Volkswagen.

E è Da otto anni che la Germania viola quanto previsto nelle indicazioni di buona convivenza nel condominio europeo. Ovvero esporta più del consentito

Insomma la Germania è ancora la prima della classe? con che diritto giudica e fa la morale agli altri paesi europei?

Come disse Grass premio Nobel alla Merkel: Siamo indebitati e corrotti, non possiamo dare lezioni.

FONTE: www.dannicollaterali.altervista.org/germania-corruzione-tangenti-il-mito-tedesco-crolla


Loading...
Condivisioni 0

Lascia il tuo commento:

commenti