ULTIME NOTIZIE

NOTIZIE INTERESSANTI:

loading...
loading...

Lasciate sempre il caricabatterie attaccato alla corrente? Può costarvi parecchio!

Condivisioni 58

Ecco quanto può costare lasciare sempre il caricatore dello smartphone attaccato alla presa della corrente Tenere il carica batteria attaccato alla corrente ha un costo.

La batteria degli smartphone ha un’autonomia che, nel caso di costante utilizzo del telefonino, può ridursi addirittura a mezza giornata. Ne deriva un incremento del numero di ricariche del proprio dispositivo, con la conseguenza che in molti, per evitare di dover ogni volta ripetere l’operazione, lasciano il caricabatterie costantemente attaccato alla presa della corrente pensando che, fino a che non vi collegano lo smartphone, non vi siano spese. In realtà quello che è ormai un trend diffuso tra adulti e ragazzi ha un costo; ogni caricatore contiene infatti un trasformatore che anche quando non è presente nessun device in carica, rimane sempre connesso alla rete elettrica, come confermato da un portavoce dell’Energy Saving Trust.

Ne deriva che ogni caricatore connesso ad una presa di corrente (ad eccezione delle ciabatte spente) continua ad utilizzare energia con conseguenti costi che, pur trattandosi di quantità energetiche basse, vanno a tradursi in alcuni centesimi di euro in più in bolletta in un intero anno, “sprecando” solo 0,25 watt. E’ però bene sottolineare che ormai le abitazioni sono colme di caricatori che alimentano diversi dispositivi, dallo smartphone al tablet, dal telefono di casa ad una ricca serie di apparecchie tecnologici, i quali anche in stand by possono sottrarre energia. Assicurandosi che tutti i caricatori vengano rimossi dalle prese una volta caricato il relativo dispositivo si potrebbero risparmiare fino a 40 euro l’anno. (fonte)


Loading...
Condivisioni 58

Lascia il tuo commento:

commenti