ULTIME NOTIZIE

Questo video dovrebbe vederlo il mondo intero! Condividilo se sei d’accordo!!

Condivisioni 0

Questo video di soli 3 minuti arriva in profondità facendoci capire come stiamo distruggendo il pianeta e causando sofferenza non solo a noi stessi, producendo aria, acqua e terra inquinata, ma stiamo infliggendo una terribile sofferenza anche agli innocenti animali.

Midway, è una piccola isola lontana 3200 km dalla terra ferma, praticamente sperduta nell’oceano pacifico è stata scoperta nel 1859 ed è l’habitat naturale di molte specie di volatili. Sono quasi tre milioni gli uccelli che volano sull’isola e ogni specie si è ritagliata uno spazio preciso per poter nidificare. Ma anche la fauna marina non è da poco: 250 specie in 120 mila ettari di lagune e acque circostanti, come le foche monache, i calamari, i polpi, le tartarughe marine. Senza dimenticare i delfini, in 300 circa a risiedere intorno all’isola.

Tuttavia, come appare chiaro nel video, quest’isola non è più un paradiso. Il suo ecosistema è stato ampiamente alterato dall’azione dell’uomo. Alcune specie di uccelli si sono estinte a causa di un’attività di caccia incontrollata praticata e della distruzione delle barriere coralline, così come le costruzioni con coperture di piombo che stanno minacciando gravemente la popolazione di albatross dell’isola.

Il fenomeno più agghiacciante è che i rifiuti provenienti dai paesi “civilizzati” vengono agglomerati dalle correnti oceaniche e l’isola riceve appunto un’enorme quantità di immondizia dalla Great Pacific garbage patch, un vortice di scarti nel centro nord dell’Oceano Pacifico caratterizzato da alte concentrazioni di plastica, fanghi chimici e altri detriti che sono stati intrappolati dalle correnti del North Pacific Gyre, una delle più grandi correnti oceaniche. (fonte)

Un pulcino su tre muore prematuramente a causa della plastica ingurgitata.


Loading...
Condivisioni 0

Lascia il tuo commento:

commenti